Mercato del lavoro: Donne.

Conoscerlo, capirlo e trovare soluzioni.

Basta digitare sul motore di ricerca le parole “lavoro donne” per rendersi conto di quanto questa “situazione” sia ancora lontana non solo da una soluzione, ma anche da un livello di normalità – parità.

I primi titoli recitano:
– La Rete e le donne: opportunità di lavoro o mezzo per chiuderci in casa?
– I 10 lavori dove le donne guadagnano più degli uomini.
– Donne sempre più presenti sul lavoro. Ma il divario in busta paga …
In ognuno di essi, come coda del titolo-sensazione c’è “il conto”.

Realisticamente oggi, una donna con caratteristiche e capacità normali, mamma, probabilmente separata, che vuole re-inserirsi nel mondo del lavoro, cosa trova come impiego? Pulizie; badante; baby-sitter; cameriera; …

Senza mancare di rispetto a nessuno, ma è possibile che la donna sia capace o possa fare solo questo?

Anche gli ultimi dati sono negativi, ma quel che è peggio sembra sia senza nessuna soluzione concreta all’orizzonte. In più, per una volta, il problema non è solo Italiano ma globale.

Aggiungerci al coro delle opinioni di parte non aiuta ne’ a capirlo, ne’ a trovare soluzioni; per contro va preso atto che il problema oltre che essere culturale ha, soprattutto, radici profonde.

Paradossalmente, o se volete banalmente, come punto di partenza più che mai vale il detto “aiutati che il ciel ti aiuta”.

Cercare nelle caratteristiche peculiari della donna, della moglie e della mamma i riferimenti su cosa può servire al mercato e fare di queste caratteristiche la propria professione.

Condividi!